In order to view this object you need Flash Player 9+ support!

Get Adobe Flash player
Joomla! Slideshow

OrgoglioDrago

ORGOGLIO DEL DRAGO

BARBERA DEL MONFERRATO SUPERIORE DOCG Gr. 15.50%

BARBERA D'ASTI SUPERIORE DOCG Gr. 15.00%

Per produrre questo particolare vino si sono riacquisite tecniche antiche di coltivazione e vinificazione quasi dimenticate, abbinate a nuove conoscenze e tecnologie. Da sempre l´uva di queste vigne veniva utilizzata dai contadini per dare ricchezza, corpo, colore ai vini prodotti con uve di altre vigne..., era insomma considerato un grande cru.

I vigneti che lo producono sono situati nel Basso Monferrato tra MURISENGO e ODALENGO GRANDE ad una altitudine che varia tra i 300-400 metri slm. Il clima della zona caratterizzato da inverni freddi (si arriva a temperature di 10 anche 20°C sotto zero) e lunghi, da mezze stagioni piovose ed umide e da estati calde e siccitose (a volte torride, con ¨bolle africane¨ con temperature vicine ai 40°C, come nel 2011) favorisce la migliore produzione di uve che raggiungono picchi elevati di qualità in tutti i loro componenti. Questi vigneti sono esposti prevalentemente a sud /sud-est in terreni ¨a macchia di leopardo¨ con un misto di calcare, argilla e tufo. Da alcuni anni le viti sono coltivate in modo tale da conseguire la massima qualità dei frutti. Il sistema di allevamento é il guyot basso con sperone (in totale 6-7 gemme) con densità di impianto che varia tra i 5.000/6.000 ceppi/ha. La resa è di circa 1 kg. di uva per ceppo, frutto di un severo diradamento che avviene con potatura verde ad inizio estate volta ad eliminare le doppie gemme ed i polloni, seguito da una vendemmia verde appena dopo l´invaiatura con l´eliminazione di circa il 50% dei grappoli. Un ulteriore passaggio a 10-15 gg. di distanza per valutare quali grappoli non abbiano beneficiato del diradamento precedente ed accusino ritardo nella maturazione, anche questi vanno eliminati (10-15%).
La selezione così fatta consente di avere una completa maturazione degli acini che si presentano con una buccia spessissima e nera, con un gusto così dolce che ¨ti prende in gola¨, acidità appena percepita. La leggera surmaturazione accentua ancora di più le sensazioni di prugna, caramello, speziatura che ritroveremo poi nel vino. L´uva raccolta manualmente subisce una pigia-diraspatura delicata per separare i graspi dal mosto e dalle bucce. La fermentazione avviene in vasche inox a temperatura controllata (25-27°C) e prevede tutto il tempo necessario per avere la completa estrazione di antociani e polifenoli dalle bucce (in genere 10-15 gg.), intervallata da leggeri rimontaggi o follature manuali. Segue svinatura, decantazione di 10 gg. circa (a seconda della temperatura esterna) per separare la parte fecciosa dal vino ¨fiore¨ che andrà subito ad affinarsi in botti grandi (20-22 Hl.) di rovere francese selezionato o in barrique usate per circa 12 mesi, procedimento utile a fissare i componenti del vino con i tannini da esse ceduti e conferire eleganza, complessità e struttura al vino.

ORGOGLIO DEL DRAGO  è un vino unico, frutto di un affinamento avvenuto in botti grandi di Rovere Francese, condotto con passaggi manuali di ¨battonages¨ effettuato con leggero movimento all´interno del recipiente con bastone in inox (per evitare contaminazioni) ,utili a mandare continuamente in sospensione i vari componenti del vino (soprattutto le fecce ¨fini¨). E´ il frutto di un esperimento ¨che ha l'intento di far ritornare a produrre una Barbera purtroppo svalutata¨ (per non dire altro) dai recenti mercati. Il risultato è incoraggiante: appena aperto può anche ¨arrabbiarsi¨, ha bisogno di un pò di tempo per esprimere al meglio le potenzialità: il colore è rosso rubino intenso, al naso si impone subito con note di liquirizia, prugna in confettura con note olfattive che in progressione ricordano il mirtillo e la ciliegia nera da subito, per lasciare il posto ad una buona mineralità , leggero goudron e sentori di cioccolato amaro. In bocca ha un grande volume e lunghezza mantenendo comunque una freschezza invitante (dovuta alla buona nervatura acida). Non teme gli anni di invecchiamento nè i giorni una volta aperto, anzi è indispensabile aprire la bottiglia in anticipo (un paio di ore almeno) programmando l´incontro con le persone più care ed i piatti adatti all´abbinamento che sono poi i piatti tipici del ns. Monferrato (agnolotti, zuppe di legumi, fritto misto alla Monferrina, brasato di vitello e soprattutto il Gran Bollito misto alla Monferrina con testina,muscolo,spalla,coda,scaramella,lingua e cotechino. Il sommeiller di fama internazionale Alessandro Scorsone ha giudicato il nostro vino al livello dei più grandi vini italiani e ci consiglia di presentarlo sempre come vino da compagnia ,¨senza tanti fronzoli¨ (¨da pane e salame¨), così da stupire gli amici con la sua piacevolezza.

 Vuoi sapere il perché del nome ¨Orgoglio del Drago¨?

Le caratteristiche tecniche di questo grande vino sono:
Uve : Barbera al 95% ,antichi vitigni autoctoni presenti in vigna 5%.
Vendemmia : tardiva a completa maturazione e leggero appassimento.

 

Le caratteristiche tecniche di questo grande vino sono:
Uve : Barbera al 95% ,antichi vitigni autoctoni presenti in vigna 5%.
Vendemmia : tardiva a completa maturazione e leggero appassimento.

Bottiglia da 0.750 l
Annata 2011 - 2012
Resa : q.li/Ha 50-60 in uva - 30-35 Hl in vino circa.
Grado Alcoolico : 15.50 - 15.00 % 
Temperatura di servizio: 16-18°C
Confezione da 6 Bottiglie

 

logoPdf   DownLoad PDF

 

 

 

Campaign financed pursuant EEC regulation number 1308/13